ortale di informazione e promozione
Loading...

Geografia e Storia


Situata nel Canale di Sicilia, al centro del Mediterraneo, Pantelleria gode di una posizione geografica estremamente privilegiata, più vicina all'Africa di quanto lo sia all'Europa risente delle influenze climatiche di entrambi i continenti; il clima è tipicamente mediterraneo con inverni miti ed estati calde.

La sua superficie è di circa 83 Kmq , il perimetro di 51.5 km e la sua altezza massima è rappresentata dagli 836 m. della Montagna Grande. Accanto alla Montagna Grande sorgono varie alture minori, denominate cùddie (in arabo colline), dietro ognuna di esse può nascondersi la sorpresa di una fertile piana come quelle di Ghirlanda, Monastero o Sibà, dove innumerevoli filari di basse viti vengono coltivate con impegno e con dedizione. L'isola è costituita esclusivamente da rocce vulcaniche, nere e lucenti (essendo la sommità emersa di un edificio vulcanico, affiorata dal mare a seguito di una grande esplosione verificatasi nel cuore del Mediterraneo), per tale motivo è definita "perla nera". Attualmente Pantelleria si trova in una fase di attività idrotermale.

A testimonianza delle sue origini, molteplici sono, ancora oggi, i fenomeni di vulcanesimo secondario che contribuiscono a rendere l'isola ancora più affascinante. Tra questi bisogna menzionare le favare, soffi di vapori provenienti dal sottosuolo , che si innalzano nell'aria donando al paesaggio un aspetto suggestivo e sognante, le mofete emissioni gassose presenti presso il Bagno dell'acqua o Specchio di Venere, l'origine vulcanica dell'isola è testimoniata dalle numerose sorgenti in essa presenti, che rappresentano veri "gioielli naturalistici":
 


La grotta di Satarìa (sorgenti termali)
Le vasche di Gadìr (sorgenti termali)
Le sorgenti termali di Nicà
Il lago di Bugéber o bagno dell'acqua o specchio di Venere (sorgenti termali)
La stufa di Khazèn o del bagno asciutto (esalazioni di vapore acqueo)
Il bagno asciutto di Sibà o grotta di Benikulà (esalazioni di vapore acqueo)
Tutte le sorgenti termali e le emissioni di vapore presenti sull'Isola sono assolutamente benefiche e liberamente e gratuitamente fruibili da parte dei visitatori.

Immergendosi nelle sorgenti termali o usufruendo delle saune naturali si raccoglieranno tutti gli effetti benefici di un intimo contatto con al natura e si scoprirà la potenza dei vulcani e dei loro fenomeni. Isola dalle molte civiltà, Pantelleria ha conosciuto nel tempo le orme di numerosi popoli e da ognuno di essi ha ricevuto in dono un nome: essa fu 'YRNM (isola degli struzzi) per i Fenici "Cossyra" per i Romani Patelereas per i Bizantini al-Quasayra (la piccola) o Bent el Rhia (figlia del vento) per gli Arabi (nell' 835).

La dominazione araba, subito dopo quella bizantina, fu la più importante ed influente, le sue tracce sono ancora oggi profondamente radicate nella cultura e nei luoghi dell'isola (i nomi delle contrade, il dialetto, i terrazzamenti, l'architettura del dammuso e dei giardini). Agli arabi si deve anche la struttura definitiva, iniziata in epoca fenicia, del Castello di Barbacane, situato al centro del paese. Seguirono diverse occupazione da parte dei Normanni, degli Angioini, degli Aragonesi, sino al 1860, quando l'isola viene annessa al Regno d'Italia, di cui ne seguì le sorti.